Viaggi Last Minute

✨Firenze in due giorni: passeggiata tra arte e cultura italiana✨

Bentornati cari Travellers, stavolta non parleremo di un altro on the road in Sicilia o nel Salento, bensì di un viaggio last minute tutto all’italiana direzione Firenze.

Patria del rinascimento e non solo, il capoluogo toscano è una meta perfetta da visitare in due giorni spostandosi a piedi, con i mezzi o, come fanno tutti i fiorentini, con le bici.
Il traffico è uno dei problemi più grandi in questa città, quindi nonostante la presenza di innumerevoli servizi di car sharing, vi consigliamo il caro e buon bike sharing super economico, efficiente, sicuro e utilizzatissimo date le piste ciclabili che attraversano quasi tutta la città. 🚴🏻‍♀️🚴🏼‍

Ma veniamo a noi, ecco in breve i nostri suggerimenti di viaggio, le tappe più importanti e come abbiamo organizzato la nostra mini fuga dalla routine di tutti i giorni.

⚜️Day one⚜️

Arrivati in stazione la prima tappa importante non può che essere la Basilica di Santa Maria Novella, punto di riferimento per l’ordine dei domenicani.

00000IMG_00000_BURST20180917140432586_COVER
Basilica di Santa Maria Novella, Firenze. Pic by @_aledive_

Questa basilica, iniziata nel 1279 e conclusasi definitivamente solo nel 1920, è uno degli emblemi del rinascimento fiorentino nonostante la presenza dello stile romanico nella parte inferiore della facciata e del gotico per quanto riguarda l’interno della struttura.
La facciata è interamente in marmi policromi come la maggior parte degli edifici religiosi e non della città di Firenze.
Ahimè l’ingresso alla Basilica è a pagamento e non free come a Santa Maria del Fiore, il Duomo per intenderci.

Il nostro viaggio non parte però ufficialmente da qui ma…

1. Piazzale Michelangelo

Da dove iniziare se non dal punto più scenografico e panoramico di Firenze?
Questa terrazza che si trova sulla cima di una collinetta, vi regalerà la magia della città ad un battito di ciglia e la visuale di tutti i monumenti principali del capoluogo.
Uno spettacolo al tramonto e soprattutto gratuito e alla portata di tutti.

IMG_20180917_172242
Vista da Piazzale Michelangelo, Firenze. Pic by @mika3sse

2. Ponte Vecchio

La dolce discesa dalla collina vi porta direttamente all’ingresso del centro storico di Firenze e al vicinissimo Lungarno. Proseguendo lungo le rive del fiume incontrerete uno dei simboli più famosi della città, si dice addirittura che Hitler chiese esplicitamente di risparmiarlo durante i bombardamenti: stiamo parlando di Ponte Vecchio.

E’ una costruzione del X secolo che ha subito continue modifiche e rifacimenti per via delle alluvioni; dal 1442 le botteghe esistenti non erano occupate da orafi e gioiellieri, bensì dai macellai in modo da tenere lontano dalle vie della città, il cattivo odore che poteva derivare dalle carcasse.
Con il “corridoio vasariano” del 1565 che collega Palazzo Vecchio a quella che era la dimora privata dei Medici, Palazzo Pitti, Ferdinando I fece sgomberare le vecchie botteghe sottostanti facendole adibire ad un commercio più nobile e di buon gusto.

A nostro modesto parere, la bellezza di questo ponte sta molto di più nell’esterno che su di esso, il quale pullula di sbrilluccichii vari decisamente poco accessibili e di flotte di turisti che impediscono anche di attraversarlo semplicemente.

IMG_20180917_184013
Vista su Ponte Vecchio, Firenze. Pic by @mika3sse

3. Palazzo Vecchio

Sede del comune, questo edificio simbolo fiorentino è famoso anche per la sua imponente torre che svetta tra i palazzi di Firenze.

IMG_20180917_201757
Piazza della Signoria, Firenze. Pic by @_aledive_

Questo simbolo dell’architettura trecentesca, sede politica sin dai tempi più antichi, riporta nella sua struttura anche gli scontri tra guelfi e ghibellini: i primi sono ricordati dalla merlatura del ballatoio chiamata “guelfa” e i secondi dalla merlatura a coda di rondine della torre chiamata “ghibellina”.
Questo edificio deve il suo nome a Cosimo I, il quale avvalendosi dell’aiuto di diversi architetti tra cui Vasari, ampliò il palazzo e la dimora, fino al definitivo trasferimento a Palazzo Pitti: da qui Palazzo Vecchio per indicare l’ex dimora dei Medici.

Questo è sede anche di un meraviglioso museo visitabile anche la sera fino alle 22:00 in un susseguirsi di sale e meraviglie degne dell’ex dimora.

4. Piazza del Duomo

Signori e Signore, ecco il momento che tutti aspettavano, la Piazza del Duomo.
Questo è uno di quei luoghi dove sentirti piccolo è davvero poco, uno di quelli dove rimani a bocca aperta e mediti su tutto quello che hai fatto nella tua vita in confronto a queste magnificienze… Scherziamo, non pensateci, non fatelo davvero.

IMG_20180917_194006
Piazza del Duomo, Firenze. Pic by @_aledive_

Questa foto rappresenta una piccola porzione dei monumenti simboli di Firenze, se volete guardare tutto dall’esterno con tranquillità senza rischiare di scontrarsi con 154537 turisti al secondo, vi consigliamo di andare nel tardo pomeriggio o la sera per una bella passeggiata suggestiva.

La Basilica di Santa Maria del Fiore con la sua Cupola del Brunelleschi, il Campanile di Giotto e il Battistero vi accoglieranno in un caldo abbraccio in marmo policromo fatto di statue, fregi e immense altezze, il tutto in una coccola per la vista e per il cuore che si riempie di meraviglia e bellezza.

Ma ve ne parleremo singolarmente dopo.

5. Basilica di Santa Croce

Per concludere il nostro day one, ci siamo recati al cospetto della Basilica di Santa Croce o Tempio dell’Itale Glorie: al suo interno infatti, sono sepolti alcune delle figure italiane più illustri di tutti i tempi, tra cui Michelangelo Buonarroti, Galileo Galilei, Ugo Foscolo, Machiavelli, ecc…

IMG_20180917_205259
Basilica di Santa Croce, Firenze. Pic by @_aledive_

Essendo anche questa con ingresso a pagamento, per nostro gusto e interesse personale abbiamo deciso di saltare la visita intera a questa Basilica e alle Tombe degli artisti per riservarli alla magnificenza del Day Two!

⚜️Day two⚜️

Sveglia presto, pranzo a sacco, fotocamera, vestiti comodi e si parte verso Piazza Duomo!
Online, alla modica cifra di 18 € avete diritto a tante belle cose: Cupola di Brunelleschi,  Cripta di Santa Reparata, Campanile di Giotto, Museo del Duomo e Battistero di San Giovanni. Se consideriamo che l’ingresso singolo alle varie attrazioni è di circa 6/8 euro e che alcune sono garantite solo col biglietto cumulativo, quei 18 euro non sono molti, ma soprattutto ne valgono assolutamente la pena. Se siete pazzi esauriti come noi e farete tutte le attrazioni in un giorno, ci vogliono circa 6 orette per tutto. In caso contrario, sappiate che quando prenotate, stabilite giorno e orario solo ed esclusivamente per salire sulla Cupola del Brunelleschi, ma i biglietti per il resto degli edifici valgono per 72h dopo il primo accesso ad uno dei suddetti.

➡➡Non ho citato l’ingresso in Cattedrale in quanto quello è gratuito, una gioia ogni tanto!

1. Cupola del Brunelleschi

Vi consigliamo di andare ai primi orari disponibili ( dalle 8:00 in poi), e di non perdere la possibilità di salire in una delle opere architettoniche più belle d’Italia!

463 scalini fattibili, nulla di assurdo anche se poi gli spazi si restringono un po’, siete pur sempre nell’intercapedine della cupola!

Il primo step fotografico e per recuperare fiato sarà all’altezza della cupola interna.
Un corridoio vi farà percorrere e avvicinare allo spettacolo degli affreschi che vi sono all’interno e potrete ammirare anche la bellezza del duomo dall’alto.

⚠️ ⚠️N.B. per chi soffre stramaledettamente di vertigini come Michela, niente panico, delle meravigliose vetrate di due metri e la ringhiera vi proteggeranno da ogni male facendovi sembrare meno paranoici agli occhi di altri turisti… a meno che non camminiate appiccicati al muro seguendo ogni sua forma e/o insenatura. ⚠️ ⚠️

20180918_093852-effects1902874941.jpg
Affreschi Cupola del Brunelleschi, Basilica di Santa Maria del Fiore – Firenze. Pic by @mika3sse

Dopo altri millanta scalini vi troverete, sudaticci ma estremamente felici e soddisfatti, sulla Cupola del Brunelleschi, esattamente alla base della lanterna che la sormonta. Inutile dirvi che il panorama è qualcosa di eccezionale, avrete Firenze ai vostri piedi e potrete essere orgogliosi di essere saliti in una delle meraviglie architettoniche più famose d’Italia e non solo!
Lo stile e la struttura di essa, inoltre, è possibile vederla mentre salite le scale: tutti i mattoncini a spina di pesce e così via, insomma una goduria per chi ha studiato architettura o storia dell’arte!

2. Cattedrale Santa Maria del Fiore e Cripta di Santa Reparata

Dopo la discesa sicuramente meno faticosa della salita, non avrete di certo voglia di altri 400 scalini?! Noi non ne avevamo di certo ed è per questo che abbiamo proseguito con la visita alla Cattedrale, che è ad ingresso gratuito, e la visita alla Cripta di Santa Reparata.

💁🏻💁🏻‍♂️Tips: Se siete in periodo estivo, non andate a visitare la Cattedrale con vestitini, pantaloncini (sia uomo che donna), canotte, top a bretelle, top crop ecc ecc, siate decorosi e non avrete problemi, rispettate il luogo e le religioni a prescindere da cosa voi pensiate e in qualsiasi posto vi troviate. In Italia magari non vi faranno semplicemente entrare ma in altri Paesi possono esserci problemi anche con la legge. 💁🏻 💁🏻‍♂️

IMG_20180918_104816
Affreschi Cupola del Brunelleschi, Basilica di Santa Maria del Fiore – Firenze. Pic by @_aledive_

L’aspetto sobrio interno della Chiesa, quasi come a voler ristabilire un equilibrio all’eccessiva grandezza, rispecchia l’ideale spirituale della Firenze medievale e del primo rinascimento, interrotto dagli affreschi della Cupola: “Oltre 700 figure dipinte di cui 248 angeli, 235 anime, 21 personificazioni, 102 personaggi religiosi, 35 dannati , 13 ritratti, 14 mostri, 23 putti e 12 animali“, il tutto opera dei pittori Giorgio Vasari e Federico Zuccari.

La Cripta di Santa Reparata si trova all’interno della Cattedrale, all’ingresso dell’edificio sulla destra. Una piccola scala vi porterà a scoprire una Firenze sotterranea ricca di mosaici e testimonianza della prima comparsa della fede cristiana nella città fiorentina. A due metri e mezzo sotto terra potrete ammirare le fondamenta e i resti della prima Chiesa Paleocristiana di Santa Reparata, riportati alla luce grazie ad una minuziosa campagna di scavi.

3. Battistero di San Giovanni

Considerata una delle Chiese più piccole e antiche di Firenze, con i suoi marmi geometrici il Battistero rientra tra gli edifici di Piazza Duomo da non perdersi.
Se da un lato la dimensione non sono a pari di altre Chiese, a stupirvi sarà il mosaico nella cupola interna, uno dei più grandi esistenti in Europa, iniziato intorno al 1266 e conclusosi i primi del trecento. Questa meraviglia in tasselli color oro, culmina con l’immagine di un Cristo Redentore posto in corrispondenza dell’altare.

IMG_7304
Mosaico Battistero di San Giovanni, Firenze. Pic by @mika3sse

Altri particolari sono senza dubbio le porte esterne del Battistero che raccontano storie dell’Antico Testamento realizzate in formelle dorate dai più grandi artisti dell’epoca tra cui Ghiberti.

➡➡Le visite vanno a fasce orarie, quindi verificate e organizzatevi confrontando il sito o chiedendo tranquillamente all’ingresso.

4. Museo dell’Opera del Duomo

Posto alle spalle della Cattedrale, il Museo dell’Opera del Duomo fa parte del percorso del biglietto unico di cui vi abbiamo parlato.

Quasi 800 opere che raccontano e rappresentano la storia fiorentina: la maggior parte delle statue e opere di tutto l’apparato del Duomo (Chiesa, Battistero, ecc) sono conservate all’interno di questo museo, come ad esempio la Porta Nord del Battistero, la Maddalena di Donatello e la Pietà di Michelangelo.

Inoltre, all’ultimo piano potrete accedere ad una piccola terrazza panoramica con vista cupola.

5. Il Campanile di Giotto

Marmi policromi e 416 scalini, ultimo ma non per importanza di certo, il Campanile di Giotto conclude le scalate del giorno.

img_7343
Campanile di Giotto, Firenze. Pic by @_aledive_

Messe a paragone, non sappiamo con esattezza quale delle due scalate sia stata più ardua, la cosa brutta è che si sale e si scende dallo stesso lato, quindi ogni tanto devi fermarti o devi scavalcare altri turisti per farti strada.
A differenza della Cupola, il Campanile si struttura in tre piani, esclusa la terrazza, dai quali puoi ammirare step by step Firenze e tutta Piazza Duomo.

IMG_20180918_141039
Campanile di Giotto, Firenze. Pic by _aledive_

⚠️⚠️N. B. Se decidete di salire solo per soddisfare il vostro animo fashion /travel blogger e instagrammer per potervi fare una foto dalla terrazza del Campanile con dietro la cupola, ahimè dobbiamo darvi una brutta notizia… Tutto il perimetro dell’ultimo piano è circondato da una rete di protezione quasi a 360°, che comprende quindi anche la parte sopra di voi.

Nonostante la recinzione potrete:

  1. ammirare la meraviglia dell’edificio e di quelli attorno;
  2. piantare una bandiera emotiva di quanto siete riusciti a salire senza pentirvene;
  3. scattare qualche foto oltre la rete senza far cadere lo smartphone;
  4. contemplare nell’atrio della terrazza come arrivi ogni giorno il vigilante fino a lì.

A parte gli scherzi, la soddisfazione personale, visiva e culturale sarà ripagata da tutto ciò che vi troverete davanti.

➡️➡️Tips: consigli utili per chi come noi decide di fare tutto in un giorno.

  1. Acqua tanta acqua, per fortuna Firenze ha diverse fontane in città, ve ne segnaliamo due all’ingresso laterale di Palazzo Vecchio, vicino la Fontana del Nettuno.
  2. Zaini leggeri
  3. Vestiti comodi: una tuta o comunque un abbigliamento comodo vi renderà il tutto più semplice
  4. Magliette di ricambio: non dite che dopo più di mille scalini non sarete sudati! Il nostro consiglio è di avere con voi magliette di ricambio da mettete alla fine delle discese, gli ambienti sono freschi e climatizzati e non è il caso di prendersi un malanno in viaggio… Come Michela, specialista in campo!

6. Galleria Uffizi

Come concludere il giro di Firenze se non perdendosi nei meandri e nelle bellezze custodite all’interno della Galleria degli Uffizi?

⚠️⚠️ Acquistate i biglietti solo ed esclusivamente dal sito ufficiale o alla biglietteria in loco in modo da non incorrere in spiacevoli equivoci e/o truffe. Il prezzo varia da età, alta o bassa stagione e anche specializzazione (laureati in storia dell’arte, prof o chi è in quest’ambito). ⚠️⚠️

Non lasciatevi ingannare dalle file, solitamente quella dei prenotati è lunghissima, quindi oltre al sovrapprezzo di 4 euro per la prenotazione, non vi aspettate di entrare sventolando il biglietto evitando l’attesa. Il nostro consiglio è di armarvi di una buona pazienza e informarvi sugli orari d’ingresso con i ragazzi dello staff o al box office ufficiale all’esterno.

Una volta entrati potrete lasciare i vostri zaini e/o giubbotti al guardaroba a titolo del tutto gratuito e godervi così in santa pace la vostra visita.

IMG_20180918_161724
Galleria degli Uffizi, Firenze. Pic by @_aledive_

La prima opera in assoluto è il contenitore stesso, cioè il palazzo progettato da Vasari intorno al 1500 contenente opere di vario genere dal Trecento al Cinquecento.
Tra i maggiori artisti troviamo: Botticelli, Michelangelo, Caravaggio, Giotto, Correggio, Mantegna, Raffaello, Leonardo… Insomma un lunapark per appassionati d’arte!

Non basterebbero ore per rimanere incantati di fronte a La Primavera di Botticelli o il Tondo Doni di Michelangelo, i soffitti del palazzo e le varie statue che accompagnano la tua visita.

Al termine del secondo piano troverete anche un bar con niente poco di meno che… UNA TERRAZZA PANORAMICA, ovvio! Vi sembrerà di poter toccare la torre di Palazzo Vecchio e potrete rilassarvi prima di procedere con il piano 1!

IMG_7440
Vista su Palazzo Vecchio dalla terrazza della Galleria Uffizi, Firenze. Pic by @mika3sse.

⚜️Resoconto e consigli utili⚜️

Poter scappare e perdersi in città del genere è sempre un qualcosa che ti arricchisce anima e mente riempendoti di stupore e curiosità. Il fatto che tutto ciò si trovi nel tuo paes,e nella tua Italia, fa nascere e alimentare quel piccolo senso patriottico che giorno dopo giorno cercano di annientare.
Queste città ci insegnano che per rimanere a bocca aperta e per innamorarsi di opere e panorami non devi per forza andare all’estero, d’altronde non è un caso che queste città d’arte siano piene zeppe di turisti che riescono ad apprezzare molto di più.

➡️➡️Link utili

Galleria Uffizi ➡️➡️ https://www.uffizi.it Prenotazioni, orari, prezzi, biglietti combinati Uffizi, Palazzo Pitti e Giardino di Boboli

Cupola, Battistero, Campanile, ecc ➡️➡️ https://www.ilgrandemuseodelduomo.it/ Prenotazioni, orari, prezzi, biglietti combinati (18€)

ATAF ➡️➡️ http://www.ataf.net/it/ataf.aspx?idC=2&LN=it-IT Sito mezzi di trasporto fiorentini. Potete acquistare i biglietti dei mezzi anche con un sms da cellulare usufruendo del vostro credito su sim.

➡️➡️ App utili

Moovit ➡️➡️ per monitorare i mezzi di trasporto e gli orari

Maps ➡️➡️ per organizzarvi i percorsi da fare e per le indicazioni

The Fork ➡️➡️ Per prenotare nei ristoranti leggendo prima le recenzioni, confrontando i prezzi e usufruire di notevoli sconti

Mobike ➡️➡️ App per usufruire del noleggio bici strautile in città!

Enjoy, Car2go, Share’n go ➡️➡️ App per il car sharing utili soprattutto per spostarsi la sera/ notte dato che non vi è un servizio mezzi notturno. Ogni città ha la sua tariffa di Car sharing, potrete informarvi sui siti di riferimento.

Anche per stavolta questa avventura finisce qui, vi aspettiamo sul nostro blog per altri fantastici racconti! 
Non dimenticate di seguirci, commentare e condividere il post se è stato di vostro gradimento e aiuto!

Ciao Travellers,
Ale&Mika

 

Follow us on:

Instagram @amontheroad23

Google+ AM ontheroad

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...